SANITA’ PRIVATA AL SICURO IN REGIONE

Dopo tutto quello che è successo in Lombardia durante il Covid, speravamo che le elezioni regionali potessero rappresentare un’importante occasione per cambiare il modello di gestione degli anziani nelle RSA, e difendere i loro diritti. Invece continuiamo ad assistere purtroppo a candidature al Consiglio regionale che vanno nella direzione opposta.

Come la candidatura nella lista civica Fontana dell’avv. Luca Degani, che, in quanto presidente di Uneba Lombardia,  rappresenta gli interessi privati dei gestori delle Rsa, spesso in conflitto di interesse  con la difesa dei diritti degli anziani, dei loro familiari e del personale.        

In modo speculare a quanto avvenuto sul fronte opposto    con la candidatura, a capo della Lista Civica che sostiene Pierfrancesco Majorino, di Fabrizio Pregliasco, direttore sanitario di una delle maggiori strutture private lombarde quale è il Galeazzi, questa campagna elettorale     conferma che dietro i diversi slogan si nasconde la stessa logica di difesa     degli interessi delle potenti lobby sanitarie private. Garantite comunque     dalla loro rappresentanza in Regione, chiunque delle parti vinca

Il Fatto Quotidiano 14.01.2023 – Intervista al Presidente di Felicita, Alessandro Azzoni

UN PESO E DUE MISURE

Felicita ha mantenuto sempre l’assoluta indipendenza e neutralità  rispetto alle parti politiche perché la difesa dei diritti degli anziani nelle Rsa, dei loro  parenti e del personale che li cura, rappresentati dalla nostra associazione, deve essere un compito che riguarda trasversalmente i partiti, i sindacati e le amministrazioni pubbliche di qualsiasi colore.

In questa campagna elettorale per la Presidenza della Regione Lombardia non intendiamo quindi schierarci a favore (o contro) nessuno dei  candidati in corsa. 
Non possiamo tuttavia ignorare che entrambe le parti mettono anche questa volta in campo le logiche di una politica lontana dal vissuto delle persone reali, dal sentire dei cittadini. Una politica che nasconde il nulla dietro le promesse.

Come è scontato, la giunta uscente difende la bontà del suo operato con una narrazione totalmente auto-asssolutoria delle proprie responsabilità durante la gestione della pandemia, ignorando i fatti e negando la verità dei morti (abbiamo tutti ascoltato le parole di Gallera da Formigli).

Da parte loro, le forze che ora chiedono il voto ai lombardi in nome di un progetto di riforma della sanità e di garanzia dei diritti dei più fragili, in questi anni criticavano la Regione ma si astenevano dal prendere posizione su quanto accadeva quando si trattava di non disturbare la  propria parte politica. 

Che si trattasse di non disturbare il governo Draghi quando introduceva lo scudo penale per tutti, anche per i manager delle Rsa, o del Ministro della Salute che in nome dell’emergenza non obbligava le Rsa a rispettare i decreti del governo, o della Giunta Sala  che  avrebbe dovuto esercitare il suo dovere di controllo  almeno nelle Rsa a partecipazione pubblica – nulla è stato detto o fatto, allora,  da coloro che oggi si presentano come il prossimo cambiamento. 

Troviamo ora a dir poco curioso leggere il nome di Fabrizio Pregliasco a capo della Lista Civica che sostiene il candidato del  Pd. Quel Pregliasco chiamato nel 2020 con il ruolo di risolutore della crisi di immagine del Pio Albergo Trivulzio, e al quale i parenti degli anziani morti hanno rivolto, durante un incontro chiesto da Felicita, molte domande sui fatti rimaste sempre senza risposta. 
Quello stesso  che abbiamo visto,  durante la presentazione dei risultati della Commissione  istituita per verificare la Gestione Emergenza Covid-19 presso il Pio Albergo Trivulzio, difendere l’operato della Regione, di  ATS Citta Metropolitana e della stessa struttura di cui era consulente in carica.

Nulla di nuovo sotto il sole, dunque. 
Ancora una volta, i tanti parenti di anziani morti o contagiati in una struttura che avrebbe dovuto proteggerli, i tanti operatori sanitari che sono stati testimoni di quanto avveniva durante quel tragico periodo, i tanti cittadini che a distanza di quasi tre anni hanno un familiare isolato e sacrificato in una Rsa, sanno di non potersi aspettare nulla da questa politica.

20.12.22 – Fanpage.it – Intervista al Presidente di Felicita, Alessandro Azzoni

https://www.fanpage.it/milano/perche-la-candidatura-di-pregliasco-alle-regionali-in-lombardia-e-un-autogol-per-majorino/

20.12.22 – Affaritaliani.it

https://www.affaritaliani.it/amp/milano/non-ci-fidiamo-di-majorino-l-associazione-vittime-trivulzio-attacca-831495.html

Pio Albergo Trivulzio – una Fortezza Blindata

Evidentemente per scoraggiare i dipendenti che volessero seguire l’esempio coraggioso di chi non intende tacere di fronte a quanto di scorretto e inadeguato possa  verificarsi all’interno della struttura, la direzione del Pat propone ora a tutto il personale (medici, infermieri, oss, tecnici, impiegati – che grazie al luogo stesso in cui lavorano e al servizio che esercitano devono essere responsabili verso gli utenti prima ancora che  fedeli ai superiori) di firmare un codice etico che proibisce a chiunque di raccontare all’esterno ciò che avviene dentro le mura. 

In particolare questa iniziativa pare rivolta a silenziare le fonti dirette di informazione, togliendo alla stampa  la possibilità di condurre inchieste su quella che dovrebbe essere un’amministrazione massimamente trasparente in quanto deputata a proteggere persone fragili.

Ignorando il fatto di essere un’istituzione controllata da enti pubblici (Regione e Comune) il Pat chiede inoltre al fantomatico Comitato Parenti – l’unico organismo di rappresentanza, unilateralmente riconosciuto dalla Direzione e dal quale noi, come altre associazioni, siamo sempre stati esclusi – di firmare un documento che vincola alla riservatezza.

Nessun margine ai casi di coscienza, dunque, né per il personale né per i familiari degli anziani.

La lezione imparata dal Covid non è quindi quella di una maggior apertura e collaborazione tra i soggetti coinvolti nella delicata e complessa gestione di vite umane nelle RSA ma la chiusura totale della fortezza.

Comune di Milano e Regione Lombardia non hanno nulla da dire?

Il Giorno – Milano 3.12.22:

https://www.ilgiorno.it/milano/cronaca/trivulzio-un-bavaglio-ai-dipendenti-1.8346841

Il Fatto Quotodiano – 3.12.22

5.12.22 – Byoblu

Un servizio approfondito che evidenzia le politiche di controllo dei vertici del Pat su dipendenti e parenti. Nel servizio si chiama in causa anche Regione e Comune di Milano, che quei vertici hanno nominato e ai quali i vertici devono rispondere.

5.12.22Radio Popolare – Intervista a Pietro La Grassa – dipendente Pat.

Premio Vergani Trasparenza 2022

Le congratulazioni più sentite dalla nostra associazione – e da quanti hanno a cuore la memoria degli anziani morti nelle RSA – al coraggioso sindacalista Pietro La Grassa, operatore sanitario del Pio Albergo Trivulzio, che ha ricevuto lo speciale Premio Vergani Trasparenza 2022 per l’integrità morale dimostrata nel denunciare i fatti occorsi durante la pandemia, pagando con un alto prezzo il suo senso del dovere verso la verità e la giustizia.

Il premio va idealmente riconosciuto anche a tutti gli ignoti medici e infermieri che hanno rischiato il posto di lavoro, e talvolta la vita, per difendere i “loro” anziani.

Comunicato stampa – Il GIP ha rigettato la richiesta di archiviazione

Da oggi possiamo dire che a Milano esiste un giudice. Come a Berlino. Accogliamo con favore la decisione del GIP che ha rigettato la richiesta di archiviazione per le indagini relative ai fatti avvenuti all’interno del Pio Albergo Trivulzio durante la pandemia.

Le 16 pagine di motivazioni sono un duro richiamo alla Procura anche e soprattutto rispetto a alcune valutazioni da essa espresse per motivare l’archiviazione.

E’ importante che il GIP abbia disposto il supplemento delle indagini anche attraverso una perizia nel contradditorio delle parti.

Questa sera siamo più sereni e fiduciosi che giustizia possa essere fatta. Questo risultato è stato reso possibile dai familiari che insieme a Felicita per mesi si sono impegnati con passione e tenacia in una battaglia di verità e giustizia.

La stessa tenacia e grande professionalità che ha visto protagonisti gli avvocati Luca Santa Maria e Luigi Santangelo dello Studio Legale LSM & Associati cui va un grande ringraziamento da parte di tutti noi.

TGR Lombardia 30.6.2022:

Ansa.it – 30.6.2022: https://www.ansa.it/sito/notizie/cronaca/2022/06/30/covid-il-gip-non-archivia-linchiesta-sul-pio-albergo-trivulzio_afbf51d3-cf74-4353-adfd-302620f0ac6f.html

La Stampa.it – 30.6.2022: https://www.lastampa.it/milano/2022/06/30/news/pio-albergo-trivulzio-respinta-l-archiviazione-dell-inchiesta-per-le-morti-da-covid-gip-necessarie-ulteriori-indagini-1.41545884?__vfz=medium%3Dsharebar

Corriere Milano – 30.6.2022: https://milano.corriere.it/notizie/cronaca/22_giugno_30/covid-anziani-morti-pio-albergo-trivulzio-gip-respinge-richiesta-archiviazione-serve-perizia-370bd26a-f894-11ec-945e-5641b5c99a2d.shtml

Il Fatto Quotidiano – 30.6.2022: https://www.ilfattoquotidiano.it/2022/06/30/pio-albergo-trivulzio-il-gip-non-archivia-approfondire-le-indagini-per-una-corretta-qualificazione-giuridica-dei-fatti/6645866/

Il Giornale.it – 30.6.2022: https://www.ilgiornale.it/news/cronache/servono-altre-indagini-respinta-richiesta-archiviazione-pio-2047229.html

Fanpage.it – 30.6.2022: https://www.fanpage.it/milano/strage-covid-al-trivulzio-gip-non-archivia-lassociazione-felicita-duro-richiamo-alla-procura/

Milano Today – 30-6-2022: https://www.milanotoday.it/cronaca/morti-trivulzio-no-archiviazione.html

City Milano News – 30.6.2022: https://citymilanonews.com/covid-inchiesta-sulle-morti-al-trivulzio-la-giudice-non-archivia-negligenze-e-decessi-spropositati/

Affari.it – 01.07.2022: https://www.affaritaliani.it/milano/covid-i-legali-del-pat-di-milano-sara-fugata-qualsiasi-zona-ombra-803817.html

Prima Milano – 01.07-2022: https://primadituttomilano.it/cronaca/respinta-larchiviazione-sulle-morti-covid-al-pio-albergo-trivulzio/

Malspensa24 – 01.07.2022: https://www.malpensa24.it/milano-morti-covid-trivulzio/

Comunicato Stampa – Udienza Opposizione

PIO ALBERGO TRIVULZIO-AZZONI/FELICITA: “CON FIDUCIA CI RIMETTIAMO AL GIUDIZIO DELLA CORTE. CHIEDIAMO CHE VI SIA UN PROCESSO GIUSTO ED EQUO”

Milano, 8 aprile – “E’ un’ importante coincidenza che lunedi prossimo 11 aprile  – in occasione dell’udienza di opposizione presso il Tribunale di Milano riguardo la chiusura delle indagini relative alle morti avvenute all’interno del Pio Albergo Trivulzio – si riunisca a Strasburgo il CPT,  “Comitato europeo per la prevenzione della tortura e delle pene o trattamenti inumani o degradanti”, struttura afferente al Consiglio d’Europa proprio per trattare la questione delle condizioni di vita degli anziani ospiti delle RSA lombarde”.

Tra i compiti del CPT vi è quello di controllare tutte quelle situazioni che potrebbero equivalere a “pene o trattamenti inumani o degradanti”.

Felicita ritiene che quanto avvenuto all’interno del Pio Albergo Trivulzio con lo scoppio della pandemia richieda un processo giusto ed equo. Lo si deve ai tanti morti e ai loro familiari

Con fiducia ci rimettiamo al giudizio della Corte”, dichiara il Presidente dell’Associazione Felicita Alessandro Azzoni

Un anziano senza relazioni muore – FANPAGE.IT

UN ANZIANO SENZA RELAZIONI MUORE – E’ NECESSARIO RIAPRIRE LE RSA

“I direttori sanitari delle RSA decidono di chiudere alle visite più per propria tutela che per protezione degli ospiti e della loro salute” Ha dichiarato il Presidente di Felicita – Associazione per i diritti degli anziani nelle RSA, Alessando Azzoni.

E’ inaccettabile che dopo 2 anni, ignorando le direttive del Ministero della Salute che ribadisce assolutamente necessaria la presenza del parente tanto quanto le cure sanitarie, le strutture chiudano all’aumentare dei contagi quando esistono validi protocolli di sicurezza.

La chiusura non riguarda solo i parenti, ma anche la possibilità di poter parlare liberamente con medici e infermieri ed avere informazioni esaustive sullo stato di salute dei propri cari.

foto: fanpage.it

Fanpage.it – 20.1.2022 – A cura di Filippo M. Capra

Milano, Rsa chiuse alle visite dei parenti: “Gli anziani sono depressi, senza relazioni si muore”
Come stanno gli anziani e i parenti degli stessi dopo l’ennesima chiusura delle Rsa scelta individualmente dalle strutture milanesi e lombarde? Fanpage.it lo ha chiesto direttamente a loro.

Due realtà uguali che hanno preso scelte diverse. Le Rsa in Lombardia si dividono tra chi ha deciso di chiudere per contenere la diffusione del contagio e proibire quindi l’accesso ai parenti degli ospiti anziani, e chi invece ha deciso di rischiare e concedere le visite ai famigliari nonostante la nuova ondata dettata dalla variante Omicron. Due scelte diverse che hanno portato a conseguenze opposte: sia per chi è fuori che per chi è dentro.

La figlia di un’anziana ricoverata al Pat: Mia madre è depressa
Tra le strutture che hanno deciso di chiudere in via precauzionale, c’è il Pio Albergo Trivulzio di Milano, già travolto dalla prima ondata del Covid che provocò circa trecento decessi tra gli anziani ospitati. Giulia ha la mamma ricoverata al Pat ma, come spiega lei a Fanpage.it, per il secondo Natale di fila non ha potuto farle gli auguri di persona. La situazione con il Covid è inevitabilmente cambiata: “Prima la vedevo tutti i giorni, ora devo aspettare quasi due mesi per poterla rivedere. E lei ogni giorno che la sento, la prima cosa che mi chiede è: “Quando vieni a trovarmi?””. Le visite al Pat sono bloccate da metà dicembre del 2021. La chiusura comporta problemi non solo a Giulia, che non può vedere l’anziana madre, ma alla ospite della Rsa stessa in quanto “è depressa nel ritrovarsi ancora isolata. Lei come si sentirebbe a 90 anni chiuso in una struttura senza sapere quando potrà rivedere la figlia o il figlio o i parenti? Gli anziani sono reclusi mentre noi siamo tornati alla normalità”. La visita del parente, continua Giulia, “è una necessità concreta”. A fare eco alle parole di Giulia è Alessandro Azzoni dell’associazione Felicita per i diritti nelle Rsa che spiega come “durante l’isolamento l’anziano va in depressione e il Ministero della Sanità l’ha capito da tempo, tanto di chiedere alle Rsa di aprire”.

Le Rsa aperte: Abbiamo deciso di correre ancora il rischio
Un’altra Rsa a Paderno Dugnano, nel Milanese, ha deciso di restare aperta, consentendo ai famigliari di fare visita ai parenti ricoverati. “Per noi la Rsa è la nuova casa dove la persona viene a vivere”, spiega a Fanpage.it Paola Cattin, direttrice generale della fondazione Uboldi, che continua: “Pur aumentando le regole per proteggere gli ospiti, che sono persone fragili, riteniamo sia necessario aprire perché una persona senza relazioni muore. La dg della Rsa di Paderno ha spiegato che nella sua struttura si è deciso “di correre ancora il rischio, di scommettere e di riaprire”.

I pazienti Covid tornano nelle RSA – Rai 3 – AGORA’

I PAZIENTI COVID TORNANO NELLE RSA – NULLA E’ CAMBIATO

I figli e nipoti non hanno più accesso alle RSA da ormai 2 anni, mentre i malati di covid vengono nuovamente accettati nelle strutture per anziani (a fronte di un compenso giornaliero di €190) ripresentandosi così lo stesso incubo della prima ondata in cui migliaia di ospiti fragili sono stati contagiati e altrettanti deceduti.

Il forte dubbio che i positivi rimangano separati all’interno delle RSA rimane, se si considera che tutte le residenze per anziani hanno una grave mancanza di personale, come affermato anche da Luca Degani, Presidente di Uneba Lombardia, organizzazione di categoria nel settore sociosanitario.

Qual è la garanzia che gli operatori sanitari che tratteranno i pazienti covid non siano gli stessi che assisteranno gli anziani fragili?

Il rischio è di vedere un brutto film già visto. Perché portare nuovamente i contagiati nelle RSA, quando si possono utilizzare altre strutture?

Invece di essere tutelati, gli anziani sono stati abbandonati.

Felicita, Associazione per i diritti degli anziani nelle RSA, continuerà a battersi e a dar voce a migliaia di parenti disperati che chiedono di proteggere i loro cari.

Porte chiuse ai parenti nelle RSA, ma di nuovo aperte al covid – RADIO POPOLARE

PORTE CHIUSE NELLE RSA AI PARENTI E ALLA VERITA’ GIUDIZIARIA, MA DI NUOVO APERTE AL COVID.

Stiamo rivedendo un brutto film già visto. Secondo una recente delibera della Regione Lombardia i pazienti covid possono essere trasferiti nelle rsa a fronte di una diaria di €190 al giorno.

Si spalancano dunque di nuovo le porte a tutto ciò che porta profitto, ma restano chiuse le porte ai parenti, ignorando totalmente il loro ruolo di sostegno fondamentale per la vita degli ospiti. Questo, nonostante Il Ministero della Salute abbia stabilito che i familiari in possesso di Super green pass debbano poter entrare nelle RSA per almeno 45 minuti tutti i giorni, e nonostante da ormai due anni le associazioni chiedano a gran voce che sia consentito di stare vicino ai propri cari. I decreti emanati per le visite sono chiari ma le Regioni non obbligano le Ats a controllarne l’applicazione.

Mentre in nome della prudenza e della necessità di proteggerli, gli anziani fragili sono ancora isolati, la loro salute è ancora dimenticata. Durante le feste natalizie i Nas hanno riscontrato il 20 per cento di irregolarità nelle oltre 600 Rsa controllate, e al Pio Albergo Trivulzio ci sono due centri vaccinali i cui utenti utilizzano lo stesso ascensore degli anziani residenti, senza quindi precauzioni anti contagio.

Questo è gravissimo è inaccettabile.

Intanto molte inchieste sulle gravi negligenze nelle RSA, anche della seconda ondata, si stanno avviando verso l’archiviazione anche grazie allo scudo penale varato a luglio del 2021 dal governo Draghi nelle pieghe del Decreto Covid.

Intanto, ad oggi siamo ancora in attesa della nomina del Giudice che dovrà fissare l’udienza per discutere l’opposizione all’ archiviazione delle indagini per i fatti occorsi nel 2020 al Pio Albergo Trivulzio.

Siamo ancora in una situazione simile a quella della prima ondata. Cos’altro deve ancora succedere perchè le istituzioni pubbliche invece di tutelare gli interessi dei più forti si prendano carico della sofferenza degli anziani e delle loro famiglie, decidendo un cambio di passo nelle politiche sanitarie e assistenziali?

RSA chiuse a Natale – TV 2000

RSA CHIUSE A NATALE – LA DISPERAZIONE DEI PARENTI E DEI LORO CARI

Sono passati ormai 22 mesi da quando le RSA sono chiuse e lasciano entrare i parenti se va bene solo una volta a settimana, per 20 minuti. Molte sono le segnalazioni che ci continuano ad arrivare di chiusure totali per il periodo natalizio. Sono infatti tante le strutture che non rispettano l’ordinanza del Ministero della Salute che invece incentiva le visite e le uscite degli ospiti.

Gli incontri avvengono in presenza di un’educatrice, senza alcuna privacy. Manca il personale e le attività di svago sono molto ridotte a scapito dei diritti e bisogni degli anziani. Neanche il Prete può entrare nella struttura. Un carcerato avrebbe più diritti.

“La presenza del parente è vitale come l’aria che respiriamo, necessaria tanto quanto le cure sanitarie. Isolare l’anziano significa farlo morire di solitudine.” – ha dichiarato la vicepresidente di Felicita, Laura Aspromonte.