Lettera aperta al Sindaco Sala

Ci siamo rivolti al Sindaco Giuseppe Sala due mesi fa condividendo le nostre proposte per risolvere la grave situazione di peggioramento delle condizioni piscofisiche degli anziani nelle RSA a causa del prolungato isolamento e del taglio dei servizi.E’ davvero inaccettabile privare i più fragili della dignità umana e degli affetti dei loro cari che sono la sola ragione di vivere. Mentre ringraziamo in particolare il Prefetto di Milano Renato Saccone e molti degli altri prefetti che abbiamo incontrato per aver risposto al nostro appello, prendiamo atto con delusione del silenzio assordante da parte di chi si candida a guidare di nuovo Milano, e lo invitiamo ad assumersi la responsabilità di porre fine a una situazione insostenibile per il vivere civile.

Egregio Signor Sindaco,

Mi rivolgo a lei nella sua veste di responsabile della salute dei milanesi, in particolare dei più fragili, per ricordarle che la nostra associazione è tuttora in attesa di un suo riscontro alle proposte che le abbiamo esposto nell’incontro del 31 maggio a Palazzo Marino sul tema della condizione degli anziani nelle Rsa.

La sappiamo particolarmente impegnato per la campagna elettorale, e per questo la cordialità e l’attenzione con cui lei ci aveva in quell’occasione ascoltato mi aveva fatto forse ingenuamente sperare in una qualche risposta ma, a distanza di due mesi, non sappiamo ancora nulla su quanto lei intende fare, se sarà rieletto, per migliorare la condizione di quella generazione di vecchi milanesi che tanto ha gia pagato, in termini di decessi e di sofferenze, e tanto sta ancora pagando in solitudine e abbandono.

Milano, che si pone di fronte agli italiani come esempio di buon vivere, dovrebbe avere anche l’orgoglio di costruire una visione di città socialmente avanzata, dove la condizione di fragilità e di bisogno non significhi sofferenza ed emarginazione, e dove le famiglie non debbano vivere con rimorso e angoscia la scelta di affidare un proprio caro non più autosufficiente nelle mani di una struttura a guida pubblica. Questo era il senso dell’invito che le abbiamo rivolto a rafforzare il ruolo di vigilanza pubblica almeno verso le Rsa partecipate dal Comune, per garantire la riapertura degli incontri coi parenti e costruire maggior trasparenza e simmetria nel rapporto fiduciario tra strutture e famiglie. Ci sembrava che lei avesse condiviso la necessità di questa sfida ma prendiamo atto con amarezza che nulla è ancora stato fatto.

Domenica, in occasione della prima Giornata mondiale degli anziani voluta da Papa Francesco, nel corso di una cerimonia al Cimitero Maggiore, lei ha inaugurato la statua dell’Angelo per ricordare i 128 caduti per Covid durante l’emergenza della prima ondata di pandemia, sepolti nel campo 87 senza il saluto dei parenti. Ci sarebbe piaciuto sentire anche qualche parola sui circa 500 anziani morti per Coronavirus tra il 21 febbraio e il 15 aprile 2020 nelle Rsa di Milano. Per ricordarne volti e nomi abbiamo da tempo proposto al Comune di istituire il Muro della Memoria in uno spazio pubblico cittadino. Ma anche su questa piccola iniziativa siamo riusciti ad avere solo promesse.

Quello che però ci sta maggiormente a cuore è la condizione invisibile degli oltre 100mila anziani over 75 che vivono soli a Milano, la metà dei quali prossimi per età alla perdita dell’autosufficienza, e quindi destinati a un prossimo ricovero nelle Rsa: una fascia ampia di cittadini che da tempo aspettano risposte concrete, insieme ai loro familiari, figlie, figli, nipoti e futuri anziani. Ed è anche per loro che ci amareggia il suo silenzio sulla proposta, già approvata un anno fa in Consiglio Comunale e mai attuata, di istituire la figura del Garante degli anziani in modo da dotare Milano di uno strumento che vigili sull’assistenza prestata agli ospiti delle strutture residenziali, e promuova iniziative per interventi a favore del benessere delle persone nella fase avanzata della vita, a beneficio di tutta la cittadinanza.

La nostra associazione, attraverso il confronto con i parenti, le parti sociali e le istituzioni, andrà comunque avanti in questa battaglia di civiltà, nella quale ci saremmo aspettati che la piu alta istituzione cittadina non restasse ancora assente e lontana.

Alessandro Azzoni

Presidente Felicita – Associazione per i diritti nelle Rsa

COMUNICATO STAMPA FELICITA/ARCHIVIAZIONE VITTIME RSA LODI

“LE ALTRE PROCURE, TRA CUI MILANO, NON SEGUANO STESSA IMPOSTAZIONE E NON CONDANNINO OLTRE 10.000 MORTI ALL’OBLIO”

Milano, 23 luglio 2021 – “Ci allarma la richiesta di archiviazione da parte della Procura di Lodi rispetto all’inchiesta relativa alla RSA Borromea di Mediglia. È un dato di fatto che 77 anziani su 147 ospiti sono morti. Ed essi rischiano di non trovare giustizia se il Gip accoglierà la richiesta della Procura . Non vogliamo commentare questa decisione ma a nostro parere l’invocato articolo 3 bis della legge 76/21 da parte del Procuratore di Lodi che limita la responsabilità penale dei sanitari suona come un vero e proprio colpo di spugna per sanitari e dirigenti apicali” dichiara Alessandro Azzoni, Presidente Felicita – Associazione per i Diritti nelle RSA.”Ci auguriamo che nessuna delle altre procure che ha aperto fascicoli su RSA – in particolare quella di Milano – segua l’impostazione della Procura di Lodi. Non si può tollerare che la domanda espressa dai tanti familiari delle vittime – stiamo parlando di oltre 10.000 morti – venga cancellata con un colpo di bianchetto condannando le vittime all’oblio e assestando un colpo vitale alla credibilità e alla fiducia nella giustizia. Speriamo di essere presto smentiti” conclude Azzoni.

************************************************************************

Quotidiano – IL GIORNO Milano:

Morti nelle Rsa, inchieste a rischio flop: “Diecimila vittime vogliono giustizia”

Il caso di Mediglia fa suonare l’allarme, i parenti in campo. Vertice in Procura a Milano per chiarire la linea

di ANDREA GIANNI

I Nas nella Rsa di Mediglia
I Nas nella Rsa di Mediglia

Milano, 24 luglio 2021 – Un anno e mezzo fa nelle residenze sanitarie per anziani dilagava la pandemia, una strage simboleggiata dalle bare stipate anche nella chiesa del Pio Albergo Trivulzio di Milano. Rsa, ora Covid free, trasformate in una trincea, con migliaia di pazienti e dipendenti contagiati solo in Lombardia. Decine di inchieste, aperte dalla Procure lombarde anche in seguito a esposti di familiari e sindacati, sono di fronte a un bivio. La richiesta di archiviazione presentata dalla Procura di Lodi sul caso della Rsa di Mediglia, dove tra febbraio e maggio dell’anno scorso sono morti 77 ospiti su 147, allarma le associazioni di familiari che si sono costituite per chiedere di “fare luce sulle responsabilità” a tutti i livelli.

«Ci auguriamo che nessuna delle altre Procure, in particolare quella di Milano, segua l’impostazione di Lodi – spiega Alessandro Azzoni, presidente di Felicita –. Non si può tollerare che la domanda espressa dai tanti familiari delle vittime, oltre 10mila morti in Italia, venga cancellata. L’invocato articolo 3 bis della legge 76/21 da parte del procuratore di Lodi che limita la responsabilità penale dei sanitari suona come un vero e proprio colpo di spugna per dirigenti apicali”. Carla Porfirio, con altri parenti di anziani deceduti all’Istituto Palazzolo-Don Gnocchi di Milano che hanno scelto la strada di una causa civile, sta ancora lottando con l’assicurazione per ottenere un risarcimento. Chiede che “sulle stragi di anziani non cada il silenzio”.

La richiesta di archiviazione su Mediglia, il primo caso esploso in Lombardia, verte sulla conclusione, illustrata dal procuratore Domenico Chiaro, che “non c’è ragionevole certezza che siano state proprio le condotte commissive o omissive di cariche apicali a cagionare l’evento”, cioè la morte dei pazienti. Mancano elementi, in sostanza, per poter sostenere un processo. Ogni caso fa storia a sé, ma l’istanza della Procura – che deve ancora essere vagliata da un gip e alla quale potrebbero opporsi i familiari delle vittime – potrebbe fare da apripista su vicende in una analoga cornice. Per i familiari una doppia beffa: nessun processo e, almeno nel penale, nessun risarcimento dei danni subiti.

In Procura a Milano si terrà un vertice, probabilmente dopo la pausa estiva, fra i pm del dipartimento coordinato dal procuratore aggiunto Tiziana Siciliano che si stanno occupando delle varie inchieste, anche per definire una linea su fascicoli al bivio fra un’istanza di archiviazione o una chiusura indagini, atto che di solito prelude alla richiesta di rinvio a giudizio. Sul tavolo anche la consulenza tecnica su morti e contagi al Trivulzio – nell’ambito dell’inchiesta in cui è indagato per omicidio colposo, epidemia colposa e violazione delle regole sulla sicurezza il dg Giuseppe Calicchio – che ha evidenziato disorganizzazione e una gestione “grave e incapace” dell’emergenza sia da parte della struttura che da parte della Regione, attraverso l’Ats: dalle mancate diagnosi a pazienti, ospiti e personale, che veniva anche fatto rientrare dalla “malattia” senza tamponi, fino all’isolamento insufficiente.

Le morti di più di 100 anziani al Pat, tra gennaio e aprile 2020, ossia il 33% delle oltre 300 di quei mesi, possono essere attribuite al Covid. Ma gli elementi potrebbero non essere sufficienti per arrivare a un processo. “Noi ci auguriamo che fatti così gravi non finiscano nel nulla – spiega Isa Guarneri, segretaria Fp-Cgil di Milano –. Le Rsa ora sono Covid free, ma il clima resta pesante nei confronti dei nostri delegati che hanno avuto il coraggio di denunciare”.

COMUNICATO STAMPA – PREMIO CAMPIONE CITY ANGELS

PREMIO CAMPIONE DI CITY ANGELS CONFERITO ALL’ASSOCIAZIONE FELICITA PER I DIRITTI DEGLI ANZIANI NELLE RSA

PER LO STRAORDINARIO IMPEGNO NEL MIGLIORARE LA VITA DEGLI ANZIANI, PONENDO MILANO COME MODELLO PER L’ITALIA IN QUESTA IMPORTANTE BATTAGLIA CIVILE

Milano, 30 giugno 2021 – Presso la Sala degli Affreschi della Società Umanitaria è stato oggi conferito da City Angels all’Associazione Felicita per i diritti nelle RSA il premio Campione nella categoria Anziani, assegnato da una giuria composta dai direttori di 21 testate italiane. Alla cerimonia erano presenti il fondatore di City Angels Mario Furlan, l’Arcivescovo Mons. Mario Delpini, il sindaco di Milano Beppe Sala.

“Questo premio ha vent’anni di vita, e noi, che a giugno abbiamo compiuto un anno di vita, siamo particolarmente onorati di riceverlo – ha affermato Alessandro Azzoni, Presidente Associazione Felicita, durante il suo discorso di ringraziamento – Felicita è nata soprattutto perché quanto successo durante la pandemia possa cambiare la cultura della vecchiaia in una società che nella fragilità umana, di cui gli anziani sono testimoni viventi, vede un problema da confinare lontano dalla vista, spesso seguendo logiche poco attente ai diritti. Come nel caso delle migliaia di anziani che, mentre la vita all’esterno è ormai ripresa, vivono da oltre 16 mesi ancora isolati nelle Rsa, senza poter uscire per una passeggiata e un gelato con figli e nipoti. L’anziano rappresenta le radici del nostro passato, la nostra storia e la nostra memoria, è il futuro che tutti noi abiteremo, è il presente che ci mette di fronte alla comune fragilità che abitualmente vogliamo nascondere o rimuovere, ma che si manifesta nelle vite incrinate dalla malattia, dall’handicap e dalla vecchiaia. Assumendo la fragilità come paradigma della comune esperienza umana che apre le persone alla dimensione dell’accoglienza, della comprensione, dell’ascolto, riconoscendoci e rispecchiandoci nella fragilità di chi ci sta accanto possiamo riscoprire la nostra umanità e ci scopriamo soggetti capaci di prenderci cura a vicenda”.

Il recentissimo report effettuato da Istat per la Commissione istituita dal Ministero della Salute e presieduta da Mons. Vincenzo Paglia delinea una fotografia preoccupante dei bisogni inevasi di assistenza di 1,2 milioni di anziani over 75, di cui circa 1 milione vive solo o con un livello di aiuto insufficiente, con compromesse capacità funzionali, mancanza di supporto sociale, sfavorevoli condizioni abitative, difficili condizioni economiche.

Intercettare la domanda di questo “popolo” di anziani spesso soli, traducendola in un’offerta di servizi di sostegno, prioritariamente presso l’abitazione e sul territorio significa assicurare loro una migliore qualità di vita, per evitare che la condizione di svantaggio esploda come domanda sanitaria dalle dimensioni insostenibili.

“Pensiamo che migliorare la vita degli anziani, in particolare di quelli più fragili, sia una questione di civiltà. E Milano, che si pone come modello per l’Italia, può essere all’avanguardia in questa battaglia civile, proprio partendo dalle Rsa partecipate dal Comune, per rafforzare il ruolo del pubblico nel garantire la riapertura degli incontri coi parenti e costruire una maggior trasparenza nel rapporto fiduciario tra strutture residenziali e famiglie. Partendo dall’istituzione della figura del Garante degli anziani in modo da dotare Milano, e in prospettiva tutta la Lombardia, di uno strumento che vigili sull’assistenza prestata agli anziani ricoverati in strutture residenziali, favorendo il benessere dell’anziano in ogni fase della sua vita, a beneficio di tutta la cittadinanza” ha concluso Azzoni.

Le RSA stanno peggio di prima – Radio Popolare – intervista 31.5.21

Omicidio colposo plurimo e violazioni  in materia di salute sul lavoro. Queste le ipotesi di reato su cui deciderà se procedere la Procura di Milano nei confronti del Direttore generale del Pio Albergo Trivulzio e dell’Ente che gestisce la struttura.

Potrebbe essere un colpo di spugna l’emendamento al recente Decreto Covid che prevede la limitazione della reponsabilità penale per lesioni colpose e omicidio colposo commessi in una situazione di emergenza dal personale sanitario se  passasse un’interpretazione forzata che include anche chi ha avuto ruoli gestionali e organizzativi durante la pandemia.

Il Presidente dell’associazione Felicita Alessandro Azzoni ribadisce che in questo anno nelle RSA italiane ai morti per covid si sono aggiunti quelli per abbandono a causa delle troppe negligenze da parte delle dirigenze. Aspettiamo che le indagini possano far luce su queste omissioni di cautele che hanno drammaticamente creato un disastro e molte vittime che si potevno evitare. 

Le RSA paradossalmente stanno peggio di prima perchè continuano a rimanere chiuse e questo eccesso di protezione le fa diventare delle prigioni.

Ancora una volta assistiamo alla negazione dei diritti degli anziani e alla mancanza di risposte dei bisogni a questa fascia di popolazione fragile non autosufficiente che già tanto ha patito e ancora oggi in zona bianca rimane reclusa.

Intervista Presidente Alessandro Azzoni e avvocato Santangelo Luigi a Radio Popolare 31.5.21

Felicita incontra il Sindaco di Milano Giuseppe Sala

“Questo lungo anno di confronto con i parenti, le parti sociali e le istituzioni – in primis quello avviato con i prefetti e i sindaci – ci consente di portare il nostro contributo ad un tavolo di lavoro comune al fine di rafforzare il ruolo del pubblico nel garantire la riapertura degli incontri coi parenti e costruire una maggior trasparenza nel rapporto fiduciario tra strutture e famiglie” ha dichiarato il presidente di Felicita Alessandro Azzoni, che ha presentato al Sindaco anche la proposta di istituire il Muro della Memoria, un luogo fisico e virtuale per ricordare ai milanesi gli anziani deceduti nelle Rsa durante la pandemia.

31.05.2021

Milano ha sempre avuto uno sguardo speciale per la libertà, la dignità e la memoria: tre valori incarnati nella generazione che ha liberato il Paese dal fascismo e ha costruito nel dopoguerra il benessere per figli e nipoti.  

Un’intera generazione di genitori e nonni, oggi considerati residuali da quella «cultura dello scarto» denunciata da Papa Francesco già anni prima dell’arrivo del Covid-19. 

E che oggi hanno pagato e stanno pagando il prezzo più alto della pandemia.

Tra tutti i cittadini, gli anziani ospiti delle Rsa costituiscono la fascia di popolazione che in questo lungo anno ha più pagato gli esiti della pandemia, non soltanto in termini di morti ma anche  di solitudine e di peggioramento della qualità della vita.

Mentre la vita è ripresa ovunque, e si prevede che la Lombardia diventi a breve zona bianca, gli anziani continuano a soffrire della lontananza dei loro cari.

Uno stato di prolungato isolamento che, privando i familiari della dovuta funzione di controllo sulle condizioni dei loro cari, getta intere famiglie nell’angoscia dell’incertezza, e rappresenta una significativa  riduzione dei diritti.

Ad un anno dalla tragedia che ha colpito la città nel profondo della sua memoria e dei suoi simboli, per evitare che le nostre radici vadano perse per sempre occorre intraprendere una battaglia di civiltà che ripensi il paradigma della cura e dell’assistenza in vista di una nuova cultura della vecchiaia.

Milano, città-locomotiva che ancora una volta saprà trainare la ripresa economica del Paese, deve avere anche l’orgoglio di costruire un modello avanzato di buon vivere, dove la condizione di fragilità non significhi sofferenza e solitudine, e dove le famiglie non debbano vivere con rimorso e angoscia la scelta di affidare un proprio caro non più autosufficiente nelle mani di una struttura, finanche a guida pubblica.  

Il confronto con i parenti, le parti sociali e le istituzioni – avviate dall’Associazione a partire dalla sua nascita –  ci consente di portare un contributo attraverso proposte di intervento su cui chiediamo di confrontarci ad un tavolo di lavoro comune, in vista del recupero del patto fiduciario tra utenza e Rsa, compromesso da questo lungo anno di emergenza: un lavoro volto a rivedere i criteri di gestione e di accreditamento delle strutture convenzionate, affermando il ruolo del pubblico nel garantire una maggior trasparenza e simmetria nel rapporto tra direzioni e famiglie,  riconoscendo il ruolo dei parenti.

  1. Istituire la figura del Garante degli anziani.

Misure di protezione per la fascia di popolazione anziana sono già previste a livello comunitario:

  • La Carta dei Diritti fondamentali dell’Unione Europea all’articolo 25 (Diritti degli anziani), parla chiaramente della necessità di riconoscere agli anziani il diritto di condurre una vita dignitosa e di partecipare alla vita sociale e culturale;
  • La Carta europea dei diritti e delle responsabilità delle persone anziane bisognose di cure e assistenza a lungo termine ha lo scopo di “facilitare l’accesso alle persone anziane ai loro diritti fondamentali […] accrescere la consapevolezza dei diritti di un sempre maggior numero di persone che ricevono cure a lungo termine e di incoraggiare le migliori pratiche negli Stati membri […]affermando principi fondamentali e diritti che debbono essere promossi per accrescere il benessere delle persone dipendenti o che hanno bisogno di aiuto a causa dell’età, la malattia, la disabilità”;
  • l’invecchiamento attivo, obiettivo sancito dall’UE ha con l’articolo 3 del Trattato di Lisbona, è una parte essenziale della strategia Europa 2020 che mira a una crescita intelligente, sostenibile ed inclusiva con elevati livelli di occupazione, produttività e coesione sociale, anche attraverso la promozione di un maggior protagonismo dei lavoratori anziani e dei pensionati nella trasmissione di saperi verso le nuove generazioni.

L’Italia ha la popolazione più anziana d’Europa (quasi 14 milioni di anziani over 65, metà dei quali over 75) ed è il paese più “vecchio” nel mondo, dopo il Giappone: il 7,5% della popolazione ha più di 80 anni (9% in Giappone).

  • A livello regionale, le differenze sono molto forti: gli ultraottantenni sono il 5% in Campania (regione meno vecchia) e il 12,2% in Liguria (regione più vecchia. L’Indice di vecchiaia (il rapporto percentuale tra il numero degli ultra-sessantacinquenni e quello dei giovani fino ai 14 anni) nel 2020 indica che in Lombardia  ci sono 170,9 anziani ogni 100 giovani.
  • In Italia 2.5 milioni di anziani vivono soli: il 4% circa della popolazione complessiva, ma ben il 40% degli over 74. Le proiezioni demografiche dicono che diventeranno 3,6 milioni nel 2045, raggiungendo il 6% della popolazione complessiva. Solo a Milano sono oltre 100 mila.

La proposta di Istituire la figura del Garante degli anziani, presentata e approvata un anno fa in Consiglio Comunale, ha il senso di dotare Milano – e in prospettiva tutta la Lombardia –  di un supporto normativo che consenta di  rimuovere discriminazioni culturali tuttora presenti nella vita sociale nei confronti della vecchiaia, garantendo i diritti  di una larga fascia di cittadini, e apportando un sostegno a tutela delle  loro famiglie.

Uno strumento ratificato dal Comune, che faciliti il monitoraggio dei casi di disservizio, vigili sull’assistenza prestata agli anziani ricoverati in strutture residenziali, promuova iniziative per interventi di natura sociale e culturale, e in generale favorisca il benessere dell’anziano in ogni fase della propria vita,  a beneficio di tutta la cittadinanza.

2. Assicurare la ripresa della vita sociale nelle RSA.

Il mancato rispetto dell’ordinanza ministeriale da gran parte delle strutture, che attualmente si dichiarano in attesa di indicazioni da parte delle Regioni e/o delle Aziende Sanitarie Territoriali,  richiede misure di intervento rapido in nome dell’osservanza del principio di prevalenza della potestà statale in materia di salute. L’osservanza di tale criterio va imposto:  – mediante un’azione di controllo dalle autorità territoriali competenti (Prefetti, Sindaci, Regione) –  nei confronti delle RSA. 

In particolare, per evitare che l’ordinanza rimanga lettera morta anche nelle strutture partecipate dai Comuni, si chiede un intervento volto a:

  • ripristinare l’accesso giornaliero alle visite da lunedì a domenica anche per consentire gli incontri a chi lavora e abita lontano, per un tempo  superiore ai 20 minuti della media attuale prevista, insufficiente sia nei casi degli anziani con deficit cognitivi e/o fisici, sia agli stessi familiari per accertare  le condizioni del proprio caro;
  • prevedere l’organizzazione delle visite all’aperto, senza divisori, in modo da consentire il contatto fisico, laddove gli incontri avvengono esclusivamente all’interno della struttura, distanziati e con barriere; e, al contrario, la possibilità di incontri al chiuso in caso di maltempo, laddove non ancora previsto;
  • consentire la possibilità di portare all’esterno il familiare per uscite giornaliere;
  • garantire l’accesso gratuito ai tamponi richiesti dal protocollo di sicurezza,  in modo da evitare che i familiari impossibilitati a sostenerne i costi siano discriminati nel diritto a  vedere i propri parenti;
  • rivedere l’obbligo di firmare il Patto di Corresponsabilità del Rischio  – il cui testo non  è esplicitato nell’ordinanza, e quindi lasciato alla discrezione delle singole strutture –   che si prefigura come vincolo  che condiziona il diritto dei familiari a vedere il proprio parente, imponendo condizioni che travalicano quelle delle regole di sicurezza sanitaria.

3. Garantire nelle RSA la ripresa della normalità dei servizi di assistenza e cura.

Le gravi limitazioni dovute alla mancanza di personale richiedono provvedimenti urgenti volti a:

  • prevedere l’impiego del personale necessario per le visite quotidiane, attualmente consentite per difficoltà organizzative in media 1 volta alla settimana (in certe strutture 1 volta ogni 2/3 settimane); 
  • ripristinare la normalità dell’assistenza e dei servizi,  anche attraverso il rientro dei volontari all’interno della struttura,  con la ripresa di servizi importanti come  fisioterapia,  logopedia, assistenza psicologica (attualmente ridotti anche per l’impiego degli operatori preposti con mansioni non proprie, come l’assistenza alle videochiamate e il controllo degli incontri),  di servizi di aiuto nei pasti, accompagnamento nelle uscite giornaliere all’aperto, dei servizi di confort come parrucchiere, lavanderia, animazione, attività ludiche;

4 .Favorire un rapporto simmetrico e trasparente tra struttura e familiari.

Per ristabilire il rapporto fiduciario tra utenza e aziende fornitrici del servizio – anche alla luce della flessione della domanda lamentata dalle RSA in quest’ultimo anno – occorre riconoscere la necessità di un rapporto simmetrico e circolare tra struttura e familiari improntato alla  trasparenza nelle informazioni (sullo stato di salute dell’ospite, sui servizi forniti, sull’organizzazione delle attività durante il giorno) attraverso:

  •    la presenza riconosciuta di un Comitato Parenti  in grado di interloquire con la Direzione come parte attiva nella condivisone delle scelte in veste di reali rappresentanti dei familiari, rompendo lo stato di sudditanza dei singoli che esplicitano la difficoltà di rivolgere richieste alla struttura nel timore di ritorsioni;
  • il blocco dell’aumento delle rette, in media fino a 30 euro al mese, che appare poco giustificato in particolare a fronte della riduzione dei servizi forniti nel corso dell’anno e dei ristori ricevuti dalle RSA dallo Stato e dalla Regione per affrontare l’emergenza Covid.

5. Creare il Muro della Memoria per gli anziani vittime della pandemia nelle RSA.

In ogni città lemura hanno funzione di difesa, di protezione ma anche il senso di circoscrivere  un’identità civica, l’appartenenza alla storia di una comunità,  a quelle radici con cui gli anziani ci consentono  di mantenere il legame. 

A un anno dalla tragedia che ha colpito Milano, per lenire una ferita aperta che per molti non si è più rimarginata ed evitare che queste radici siano recise per sempre, occorre volgere lo sguardo della città agli anziani che durante la pandemia se ne sono andati in solitudine, privati dei gesti di riconoscenza
e di cordoglio della collettività. Perché il dolore di tutti si trasformi in opportunità di cambiamento che possa regalare ai giovani un futuro migliore.

Il Muro della Memoria vuole essere uno spazio cittadino – fisico e virtuale – aperto ai milanesi che hanno subito personalmente il trauma della morte o della lontananza dei propri cari ma anche accessibile a chi ha vissuto questo periodo come lutto dell’intera umanità consumato dentro le mura cittadine.

Per ricordare chi se n’è andato ma anche per onorare chi è rimasto ad affrontare un’esperienza di dolore e di coraggio – anziani malati, familiari, operatori, Oss, infermieri, medici, terapisti, personale di servizio – dando spazio alle storie e ai volti di ciascuno,alle sorgenti di straordinaria umanità che l’emergenza ha portato alla luce.

Troppe RSA ancora chiuse – Vanity Fair

14.05.21

Troppe Rsa continuano a rimanere ancora chiuse. “La situazione è ben diversa dagli annunci, nonostante l’ordinanza del Ministero della Salute permetta le visite nelle residenze per anziani”, ha dichiarato Alessandro Azzoni, Presidente di Felicita, che continua a ricevere quotidianamente “denunce di familiari che vedono i propri cari consumarsi, dimagrire, avere un decadimento cognitivo che, per una persona anziana non è reversibile”. “Il problema delle mancate aperture sta nell’ordinanza che lascia ampia discrezionalità ai direttori sanitari. È una deresponsabilizzazione delle Rsa rispetto ai loro doveri, cioè garantire i bisogni essenziali delle persone. Le regioni devono vigilare sulle riaperture”. “La pandemia ha aperto il vaso di Pandora dell’inadeguatezza dei servizi agli anziani non autosufficienti in Italia”.

di Chiara Pizzimenti

Troppe Rsa ancora chiuse, «C’è chi non vede i parenti da 15 mesi»

Una ordinanza del Ministero della Salute permette le visite nelle residenze per anziani, ma molte non hanno aperto. La protesta delle associazioni dei familiari di chi vive nelle Rsa

«Mia madre è in una Rsa, io non la vedo di persona da settembre. Non è neanche in vista l’ipotesi della riapertura. Ha avuto il Covid, da una forma lieve di Alzheimer adesso ha una forma severissima. La vedo in videochiamata, ma questo per lei non ha alcuna utilità, Avrebbe bisogno di uno stimolo, di un sostegno». Alessandro Azzoni, presidente di Felicita-Associazione per i Diritti nelle Rsa, parte dalla sua vicenda personale per raccontare una situazione che è di moltissimi.

Nonostante l’ordinanza del Ministero della Salute che permette le visite nelle residenze per anziani, molte non hanno aperto. «La situazione è ben diversa dagli annunci. Le Rsa continuano a rimanere chiuse», spiega Azzoni, «L’ordinanza del Ministero della Salute è certamente una presa d’atto dell’urgenza e della problematica. C’era già stata una circolare in novembre rimasta inascoltata. Amnesty International ha parlato di negazione dei diritti del malato».

Esiste da mesi il problema dello stato di isolamento della fascia di popolazione che è stata anche la più colpita dal virus. Questo isolamento sta mietendo quasi tante vittime quante il Covid secondo le associazioni. «Per queste persone non autosufficienti il contatto con i familiari è vita. Gli ospiti delle Rsa sono tutti vaccinati, a parte qualche nuovo ingresso. Il protocollo è sicuro, è già seguito da un paio di mesi con successo in provincia di Trento: zero contagi e grandi benefici per le persone». Per entrare i familiari devono avere il green pass: dimostrare di aver avuto il Covid, di essere stati vaccinati oppure avere un tampone negativo, con un costo aggiuntivo per chi già paga anche più di 3000 euro al mese per il proprio familiare.

Felicita, come le altre associazioni che sono nate negli ultimi mesi, riceve quotidianamente di denunce di familiari che vedono i propri cari consumarsi, dimagrire, avere un decadimento cognitivo che, per una persona anziana non è reversibile. Il problema delle mancate aperture sta nell’ordinanza che lascia ampia discrezionalità ai direttori sanitari. «Questo ha portato al fatto che le Rsa sono rimaste chiuse. Molte rimandano, dicono che bisogna aspettare. È una deresponsabilizzazione delle Rsa rispetto ai loro doveri, cioè garantire i bisogni essenziali delle persone. La richiesta è che le regioni vigilino sulle riaperture».about:blankhttps://acdn.adnxs.com/dmp/async_usersync.html

Alcuni comitati chiedono il ritiro dell’accreditamento delle strutture che non aprono alle visite dei parenti. Il problema però va oltre secondo Azzoni. «I protocolli delle Rsa non sono idonei, non sono sufficienti. In alcune Rsa viene stabilito un minutaggio per i servizi agli ospiti. La pandemia ha aperto il vaso di Pandora dell’inadeguatezza dei servizi agli anziani non autosufficienti in Italia».

Riaprire le visite ai parenti – La Repubblica

12.05.21

Le Regioni devono intervenire al più presto per garantire i tamponi e i vaccini ai familiari degli ospiti delle RSA e rendere così effettiva la possibilità delle visite, istituita dalla recente ordinanza del Ministero.“Ancora una volta dobbiamo affrontare un percorso ad ostacoli per vedere i nostri cari” ha dichiarato Alessandro Azzoni, Presidente di Felicita-Associazione per i diritti nelle RSA. Un percorso reso ancora più drammatico dall’obbligo per i familiari di firmare il “Patto di condivisione del rischio”, espresso nel protocollo allegato all’ordinanza ministeriale. Una sorta di liberatoria dalle responsabilità delle strutture per i rischi infettivi derivanti dalle visite, il cui testo è lasciato all’arbitrio di ciascuna direzione, aprendo la strada a ulteriori asimmetrie nel patto contrattuale tra utenti e direzioni delle RSA.

Riapertura Rsa, Regione Lombardia sollecita le case di riposo: “Riaprire alle visite dei parenti”

di Zita Dazzi

Il dg Welfare Pavesi: “Stiamo lavorando per fare tamponi ai parenti degli anziani ospiti a carico del servizio sanitario”. Ma ancora tante Rsa non hanno ancora dato indicazioni

Anche se a singhiozzo le case di riposo per anziani della Lombardia stanno riaprendo le visite ai parenti. Per poter entrare nella struttura, però, se non si è stati vaccinati, bisogna aver effettuato un tampone: la Regione sta pensando di fare in modo che il costo del test sia a carico del servizio sanitario e non del cittadino. La riapertura alle visite dei parenti nelle case di riposo è sollecitata anche dal direttore generale del Welfare di Regione Lombardia, Giovanni Pavesi, che ha mandato a tutti i direttori delle Ats lombarde una circolare, da inoltrare alle Rsa, con le prescrizioni arrivate dal ministero per consentire ai familiari di riabbracciare i loro cari. Le associazioni dei familiari però sono preoccupate perché i tempi di attesa continuano ad essere lunghi e la discrezionalità lasciata alle singole Rsa è troppa.

Nella circolare ci sono l’ordinanza del ministro che consente “senza altre autorizzazioni” la ripresa delle visite agli anziani ospiti delle Rsa. “Si richiama in particolare l’attenzione sulla necessità che i soggetti gestori delle unità d’offerta sociosanitarie aggiornino, laddove necessario, il Piano Organizzativo Gestionale – si legge nell’invito ai direttori delle strutture – Le ATS che riceveranno le procedure aggiornate verificheranno la coerenza delle modalità organizzative adottate, in particolare con l’ordinanza ministeriale in oggetto”. Ogni Rsa “potrà autonomamente predisporre la necessaria modulistica da sottoscrivere con l’utenza, in conformità alle proprie organizzazioni, tipologie di ospiti/pazienti e relativi profili di rischio”.

In pratica la Regione cerca di accelerare le procedure che porteranno gli anziani dopo oltre un anno di attesa e solitudine a rivedere i propri cari in sicurezza. Quindi entrerà nelle case di riposo chi abbia il gree pass, vale a dire la vaccinazione completa. o un tampone recentisssimo. “Questi tamponi potrebbero rientrare nella dotazione di screening periodici (quindi nei test che le Ats forniscono alle Rsa per il contact tracing, ndr)”, ipotizza durante la commissione Sanità al Pirellone il dg Pavesi, rispondendo a una sollecitazione del consigliere dem, Carlo Borghetti. Secondo il dg “non è giusto”, infatti, che il costo del test sia a carico del visitatore: “Molte Rsa sono organizzate per fare i tamponi e non vedo perché non possano farle anche ai parenti degli ospiti. Questa potrebbe essere un’indicazione da dare alle Ats e alle strutture”, aggiunge Pavesi che promette ai consiglieri di ragionare sul tema e di proporre questa soluzione.

Intanto le associazioni dei parenti non sono soddisfatte di come stanno prolungandosi le procedure. “Esprimiamo il timore che ancora una volta si tratti di una riapertura annunciata più che reale – dichiara Alessandro Azzoni, Presidente di Felicita-Associazione per i diritti nelle Rsa – vista la prevista richiesta del green pass ai familiari, che rischia di portare con sé la permanenza di un criterio di eccezionalità e di essere di nuovo una scappatoia per gli incontri contingentati. Tra protocolli assenti o restrittivi, e obbligo di tamponi molecolari a carico dei parenti  ancora una volta dobbiamo affrontare un percorso ad ostacoli per vedere i nostri cari. Un percorso al quale questa ordinanza aggiunge l’obbligo per i familiari di firmare il “Patto di condivisione del rischio”, una sorta di liberatoria il cui testo è lasciato alla discrezione delle Rsa”.

Riapertura annunciata più che reale – Il Fatto quotidiano

10.05.2021

“Esprimiamo il timore che ancora una volta si tratti di una riapertura annunciata più che reale – dichiara Alessandro Azzoni, Presidente di Felicita, Associazione per i diritti nelle Rsa – vista la prevista richiesta del Green Pass ai familiari, molti dei quali sono ancora in attesa di completare il ciclo vaccinale Covid-19 in quanto non considerati nella categoria dei caregiver. Il Green Pass rischia, infatti, di portare con sé la permanenza di un criterio di eccezionalità e di essere di nuovo una scappatoia per gli incontri contingentati. Tra protocolli assenti o restrittivi, e obbligo di tamponi molecolari a carico dei parenti, ancora una volta dobbiamo affrontare un percorso ad ostacoli per vedere i nostri cari”.Un percorso al quale questa ordinanza aggiunge l’obbligo per i familiari di firmare il “Patto di condivisione del rischio”, una sorta di liberatoria il cui testo è lasciato alla discrezione delle Rsa – che declina le responsabilità della struttura per i rischi infettivi da Sars-cov-2 derivanti dalle visite. Questo a fronte di dati totalmente ignoti sulla situazione vaccinale del personale delle strutture sanitarie che viene in contatto con i degenti.

Rsa, Costa: “Segnalare strutture che non permettono visite a ospiti”. Comitati parenti: “Revocare accreditamento a chi non apre”

Rsa, Costa: “Segnalare strutture che non permettono visite a ospiti”. Comitati parenti: “Revocare accreditamento a chi non apre”

Sandra Zampa: “Sono molto preoccupata perché in realtà la questione è lontana dall’essere risolta. Sono le regioni che devono far rispettare le circolari ministeriali. Ora è stata fatta un’ordinanza del ministro che invia alle regioni un protocollo messo a punto dalle regioni insieme al ministero. Forse ieri non erano ancora pronte ma ci dobbiamo attendere che ora si riapra”

“Se le Rsa non permettono le visite agli ospiti vanno segnalate. È un diritto di tutti gli ospiti e questo oggi è possibile grazie all’ordinanza del ministro della Salute“. Il sottosegretario alla Salute Andrea Costa, ai microfoni di Rai Radio1 ha così cercato di fugare i dubbi in merito alla riapertura delle Residenze sanitarie assistite che ospitano anziani non autosufficienti e che è stata definita sabato da un’ordinanza ministeriale, accompagnata da un protocollo varato conferenza Stato-Regioni. “Sono stati stabiliti tre elementi per poter far visita ai propri cari ricoverati in Rsa: aver avuto nei tre mesi precedenti il Covid, essere vaccinati o in mancanza di questi due, un tampone negativo nelle 48 ore precedenti. Questi elementi danno pari diritti a tutti di far visita ai propri cari”, ha concluso Costa.

Sicuramente non lo aiutano le dichiarazioni che arrivano proprio dalla regione di Costa, la Liguria, che è pure la più anziana d’Europa. “Dobbiamo tenere presente che se in una struttura protetta entra un parente il rischio è altissimo ed è in quest’ottica che si colloca la giusta prudenza per l’apertura ai parenti nelle Rsa”, ha dichiarato lunedì 10 maggio il presidente della Liguria Giovanni Toti che da una parte associa il rischio al puro status di parente, dall’altra parla di un dell’esistenza di “microcluster” “nonostante i vaccini“. A questo proposito va ricordato che in molte strutture sanitarie e sociosanitarie, liguri come nazionali, non tutto il personale si è sottoposto a vaccinazione, come invece prescriverebbe la legge che le regioni tardano a far applicare.

Il tema della mancata copertura vaccinale del personale è stato sollevato da Alessandro Azzoni che presiede l’associazione Felicita per i diritti nelle Rsa e che ha espresso “il timore che ancora una volta si tratti di una riapertura annunciata più che reale, vista la prevista richiesta del Green Pass ai familiari”, che a suo parere rischia “di portare con sé la permanenza di un criterio di eccezionalità e di essere di nuovo una scappatoia per gli incontri contingentati. Tra protocolli assenti o restrittivi, e obbligo di tamponi molecolari a carico dei parenti (che solo la Regione Piemonte offre gratuitamente alle Rsa per i familiari degli ospiti), ancora una volta dobbiamo affrontare un percorso ad ostacoli per vedere i nostri cari”. Secondo l’associazione, inoltre, “ancora una volta nei fatti sono le Regioni e i sindaci ad avere in mano la palla per far rispettare l’ordinanza attraverso lo stretto controllo sulla loro effettiva applicazione da parte delle singole Rsa”. L’associazione contesta anche l’obbligo per i familiari di firmare il Patto di condivisione del rischio, “una sorta di liberatoria il cui testo è lasciato alla discrezione delle Rsa che declina le responsabilità della struttura per i rischi infettivi da Sars-cov-2 derivanti dalle visite. Questo a fronte di dati totalmente ignoti sulla situazione vaccinale del personale delle strutture sanitarie che viene in contatto con i degenti”.

“Ho lavorato molto sul tema delle Rsa e sono molto preoccupata perché in realtà la questione è lontana dall’essere risolta. Tanto che risulta che ci sono ancora sette o otto Rsa su 10 che ieri non non hanno affatto aperto. Problema che ci dobbiamo porre”, ha intanto sottolineato su Rai 3Sandra Zampa, consulente del ministro della Salute e responsabile Sanità del Pd. “Per la riapertura delle Rsa – ha ricordato Zampa – erano state fatte due circolari ministeriali, una a dicembre e una a novembre 2020. Ma non era successo nulla. Sono le regioni che devono far rispettare le circolari ministeriali. Ora è stata fatta un’ordinanza del ministro che invia alle regioni un protocollo messo a punto dalle regioni insieme al ministero. Forse ieri – ha concluso – non erano ancora pronte ma ci dobbiamo attendere che ora si riapra”.

Le conferme dei timori arrivano anche dalle associazioni dei parenti. “Ci stanno arrivando centinaia di messaggi da tutta Italia da parte di persone chenon riescono ancora a entrare nelle Rsa e a rincontrare di persona, dopo 14 mesi, i propri genitori, nonni o amici. Di qui la nostra proposta: le Regioni diffidino o sanzionino le strutture che non aprono senza giustificati motivi“, ha detto all’Ansa il presidente del comitato Open RSA Now Dario Francolino, che si è battuto nelle settimane scorse per ottenere un’ordinanza nazionale. “Purtroppo ieri, prima domenica utile per centinaia di migliaia di persone per rincontrare i propri cari ospiti di residenze socioassistenziali – prosegue Francolino – molte strutture non erano pronte per la riapertura. Spiace doverlo dire perché si sarebbero potute organizzare preventivamente, come alcune hanno fatto, visto che ormai da giorni si parlava di una norma nazionale che sarebbe andata in questa direzione. Questo temiamo nasconda mancanza di impegno e volontà, oltre che mancanza di sensibilità”. Quindi la proposta: “andrebbero fatte diffide alle strutture che non aprono, per poi arrivare, qualora fossero inascoltate, a sanzioni fino alla sospensione dell’accreditamento. Così facendo aprirebbero tutte in una settimana”.

Comunicato stampa Felicita

10 maggio 2021

RIAPERTURA REALE O SOLO ANNUNCIATA PER LE RSA? 
FELICITA ESPRIME I  DUBBI DEI FAMILIARI SULL’ORDINANZA DEL MINISTRO SPERANZA.

L’ordinanza firmata dal Ministro Speranza costituisce una presa d’atto ormai inevitabile dell’urgenza di normalizzare la ripresa della vita anche nelle Rsa, dove finora gli anziani  hanno pagato un  prezzo tanto alto da far pensare – per usare le parole della consigliera del Ministro Speranza, Sandra Zampa – alle condizioni di sequestrati.    
L’ordinanza é il risultato di un protocollo proposto dalla Conferenza delle Regioni e approvato dal Cts.  Ancora una volta nei fatti, tuttavia, sono le Regioni e i sindaci ad avere in mano la palla per far rispettare l’ordinanza attraverso lo stretto controllo sulla loro effettiva applicazione da parte delle singole Rsa.  

“Esprimiamo il timore che ancora una volta si tratti di una riapertura annunciata più che reale – dichiara Alessandro Azzoni, Presidente di Felicita – Associazione per i diritti nelle Rsa – vista la prevista richiesta del Green Pass ai familiari, molti dei quali sono ancora in attesa di completare il ciclo vaccinale Covid-19 in quanto non considerati nella categoria dei caregiver”.

Il Green Pass rischia, infatti, di portare con sé la permanenza di un criterio di eccezionalità e di essere di nuovo una scappatoia per gli incontri contingentati. Tra protocolli assenti o restrittivi, e obbligo di tamponi molecolari a carico dei parenti (che solo la Regione Piemonte offre gratuitamente alle Rsa per i familiari degli ospiti), ancora una volta dobbiamo affrontare un percorso ad ostacoli per vedere i nostri cari”.
Un percorso al quale questa ordinanza aggiunge l’obbligo per i familiari di firmare il “Patto di condivisione del rischio”, una sorta di liberatoria il cui testo è lasciato alla discrezione delle Rsa – che declina le responsabilità della struttura per i rischi infettivi da Sars-cov-2 derivanti dalle visite. Questo a fronte di dati totalmente ignoti sulla situazione vaccinale del personale delle strutture sanitarie che viene in contatto con i degenti.

Al di là delle attese e della gioia suscitate tra i parenti, Felicita esprime il timore che questa ordinanza rifletta rapporti di forza consolidati dove ancora una volta sono riaffermate le condizioni asimmetriche del patto contrattuale tra parenti e Rsa, rischiando di rinviare il momento in cui anche per gli anziani sia ripristinato il diritto alla vita normale. 

I Dimenticati delle RSA – La Repubblica

“I dimenticati delle Rsa”, un viaggio nelle Rsa ancora blindate mentre il Paese riapre. Un’inchiesta di Repubblica che raccoglie anche la testimonianza del Presidente di Felicita, Alessandro Azzoni, e mette in luce la crescita dei danni sui ricoverati isolati. Secondo uno studio della Società italiana di neurologia “Senza contatti la salute mentale peggiora del 60%”. Non si può più aspettare, il Governo deve pensare anche ai protocolli per le riaperture delle Rsa.